Hypersmash.com
 

Sex toys, servono alle coppie?

A colloquio con la dottoressa Claudia Popolillo
Gary Snowden

Nel 2005 una ricerca di mercato stimava che un italiano su tre ne ha fatto uso. Da allora questo numero è cresciuto, anche se in misura inferiore rispetto ai Paesi Anglosassoni e al Nord Europa.

In parallelo, l’accettabilità di questi strumenti nelle relazioni di coppia è aumentata grazie anche a telefilm come Sex and the City che hanno alimentato la così detta “consapevolezza femminile nell’atto”. Di pari passo è cresciuta la curiosità del mondo maschile e l’uso nelle coppie sposate, anche su base ricorrente.

Con l’obiettivo di fare chiarezza su questi oggetti e per capire meglio se e come si collocano nella relazione di coppia, abbiamo avvicinato la dottoressa Claudia Popolillo, sessuologa. Ne è seguita un intervista di elevato contenuto dove si cala l’oggetto fra i soggetti svelandone vizi e virtù.

L'intervista è disponibile in versione estesa per gli utenti registrati.

Dottoressa Popolillo, quando si parla di sex toy vengono in mente certi aggeggi, ma che cos’è un sex toy?

Il sex toy è un oggetto o un dispositivo medicale che viene usato per incrementare il piacere o l’esperienza erotica.

A dispetto di quanto ci hanno abituati a pensare, la definizione di sex toy è molto ampia e include anche prodotti e giochi semplici come la crema al sapore di cioccolato o il dado da lanciare per scegliere una posizione.

I sex toys sono un’invenzione moderna?

In verità è un’esigenza che si perde nella notte dei tempi e che riflette esigenze ludiche e mediche. Per esempio, esistevano dei dildo (n.d.r. oggetti a forma di banana) di legno nell'antichità.

L'"esigenza" si fa strada alla fine del XIX secolo con l’invenzione del vibratore, che serviva infatti a curare l'isteria grazie al fatto che induceva il parossismo. Su questo tema si basa il film "Hysteria" prodotto recentemente.

Perché spopolano?

Spopolano perché sono percepiti come novità, come qualcosa di trasgressivo e quindi questi oggetti diventano d’interesse. In questo periodo si sente parlare delle ragazze con la "valigia rossa" che sono il porta a porta dei sex toys. Ma l’interesse per i sex toys è anche il frutto della routine della vita della coppia, sposata o no, che annichilisce le possibilità di sorprendere noi stessi e/o il partner. Faccio alcuni esempi per aiutarci a fare alcune riflessioni.

Continua nell'altra colonna >>>

I sex toys sono utili?

La nostra era consumistica crea bisogni anche dove non ve ne sono. Le necessità umane sono sempre le medesime: mangiare, bere, dormire per stare in buona salute e sopravvivere. Il resto può essere una ricerca di sana sperimentazione, nella maggior parte dei casi. In alcuni casi però, i sex toys posso essere utili.

Quindi servono o non servono alla coppia?

Sfatato il mito che i sex toys siano strettamente necessari all'appagamento sessuale, essi possono fornire un diversivo per esempio a chi è single, per scelta o per condizione. Inoltre, tengono lontani da malattie sessualmente trasmissibili; non hanno implicazioni emotive; possono essere utili a sperimentare e conoscere meglio il proprio corpo, ma questo non significa che possano sostituire un rapporto o una relazione con un altro essere umano.

Concludo osservando che in una coppia credere di poter "fare da sè" non esime ciascuno dei coniugi a sottrarsi ai rapporti o a viverli "egoisticamente".


Copyright 2014 - Claudia Popolillo per AMI

Ritorna all'indice dei contenuti


Claudia Popolillo, laureata in Psicologia presso l'Università degli Studi di Parma, si è successivamente specializzata presso l’AISPA - Associazione Italiana Sessuologia e Psicologia applicata. Dal 2011 modera il Forum Digitale tematico "Sessuologia" e "La stanza dei sogni" sul sito www.opsonline.it. Svolge la propria professione di Psicologa e Sessuologa come libero professionista presso alcuni studi consociati.
La dott.sa Claudia Popolillo, crede fermamente nelle capacità delle persone di costruire solide relazioni, negli affetti e nella coppia. Referente per la provincia di Lodi, nella rassegna "MIP LODI - Maggio di Informazione Psicologica", quest'anno alla sesta edizione su scala nazionale, da diversi anni tiene seminari che trattano vari aspetti: dalla psiche, alla relazione e alla comunicazione di coppia, dalla sessualità nella coppia alla sessualità negli adolescenti, dalle emozioni da insegnare e trasmettere ai figli, fino alle dipendenze e al gioco d'azzardo.
La dott.sa Claudia Popolillo è Iscritta all'Albo dei Psicologi della Lombardia con il numero 10063.



Scrivi un commento




Per ragioni di sicurezza, abbiamo inserito l'antispam per gli utenti non registrati.
Fai log in»
Commento:

Rispondi con un numero. Esempio:uno+uno? 2