Hypersmash.com
 
 



RASSEGNA DI VIGNETTE E FRASI UMORISTICHE “RIDIAMOCI SOPRA”
IL VINCITORE

Vignettisti e scrittori umoristici si sono cimentati nella competizione che porta sulla carta pensieri, sogni e desideri dei mariti italiani.

Andrea Dal Santo, presidente AMI: “In corso i preparativi per la seconda edizione”

Milano, 9 settembre 2014 – Si è concluso il concorso di vignette “Ridiamoci sopra”, concorso di vignette e frasi umoristiche promosso da AMI-Associazione dei Mariti Italiani.

Il vincitore dell’edizione 2014 è Paolo Vanessi che conquista la prima posizione con la vignetta “Non ti sembra?”. L’artista riceverà in premio una Smart Box a scelta tra le seguenti: “Scenari d’Italia”, “Pausa relax per due”, “Cena da chef”.

“Sono orgoglioso di aver vinto questo concorso” ha dichiarato Pietro Vanessi “E’ un premio che rappresenta una piccola soddisfazione e dà riconoscimento al lavoro di satira e umorismo verso le coppie che svolgo da anni. Un grazie di cuore ad AMI che grazie a questo concorso mi ha offerto l’opportunità di entrare in contatto con loro”.

Il concorso “Ridiamoci sopra”, aperto a tutti, si è svolto per sei mesi, dal 1 ottobre 2013 al 30 aprile 2014. Ai partecipanti è stato chiesto di inviare una o più vignette o frasi umoristiche attraverso il sito di AMI (www.mariti-italiani.org). Agli stessi è stata data ampia libertà nella scelta delle tecniche e dei materiali, purché il risultato fosse divertente e avesse come soggetto i mariti, le loro relazioni umane, professionali e familiari, o i loro sogni e ricordi.

Attraverso il sito di AMI, sono giunti all’organizzazione del concorso 34 contributi. 27 sono stati ammessi alla seconda fase del concorso, di questi 25 vignette e due frasi umoristiche. Diciotto gli artisti in gara, fra i quali alcuni nomi famosi del mondo dell’arte, come Marco Fusi, Pietro Vanessi, Elena Lombardi, Claudio Cardinali, Enrico Biondi, Paola Tosti.

I concorrenti hanno tratteggiato gli aspetti ironici della vita dei mariti, ripercorrendo momenti diversi della loro vita. L’attenzione è stata posta soprattutto ai comportamenti, alle emozioni e ai ruoli talvolta stereotipati della vita di coppia.

Dal 8 luglio all’8 settembre migliaia di persone hanno visitato il sito di AMI e più di duecento hanno votato le vignette dalla pagina AMI su Facebook.

“Siamo felici del successo di ‘Ridiamoci sopra 2014’.” ha dichiarato Andrea Dal Santo, presidente AMI ”L’iniziativa ha richiesto notevole impegno da parte dell’associazione e dei suoi volontari. I numerosi messaggi che abbiamo ricevuto in questi mesi confermano che, pur stretti fra tensioni e responsabilità, mariti e mogli riconoscono l’importanza dell’umorismo. E la ragione è semplice: fa bene alla salute e ci permette di guardare il matrimonio da una nuova prospettiva”.

Fra i possibili sviluppi, è allo studio una mostra virale in giro per il mondo, perché l’umorismo non ha confini.

I contributi sono visibili sul sito di AMI.

Piedino

AMI – Associazione dei Mariti Italiani. Fondata nel 2009 da alcuni mariti, AMI è un’associazione indipendente senza fini di lucro. AMI rappresenta i mariti, li promuove e li valorizza, nel rispetto dei principi di equilibrio e parità fra marito e moglie. I soci e l’associazione sono positivi verso il matrimonio. AMI ascolta i soci e affronta i temi importanti di questo gruppo e sviluppa contenuti in collaborazione con professionisti e volontari. Inoltre, organizza eventi ludici aperti a tutti, come gli aperitivi fra AMIci e AMIche. In precedenza AMI aveva organizzato la “rassegna di vignette” nel 2012 e il concorso fotografico a tema FotografAMI “fotografa i nuovi mariti” nel 2011. AMI è presente nei principali social network e ha un periodico d’informazione online. Le donne e le mogli hanno una linea diretta con l’associazione attraverso un organo sociale previsto dallo statuto, il Collegio delle Donne, che è una caratteristica unica fra le associazioni di genere.



Scrivi un commento




Per ragioni di sicurezza, abbiamo inserito l'antispam per gli utenti non registrati.
Fai log in»
Commento:

Rispondi con un numero. Esempio:uno+uno? 2